la Carta della Terra
La Carta della Terra

La Carta della Terra sancisce un patto tra i popoli e la Terra. Si tratta di un documento unico, a partire dal processo che lo ha generato.

La Carta della Terra ci mette di fronte alla sacralità della nostra Casa, la Terra. Ci ricorda le sfide che ci vengono incontro e vuole indicare possibili vie per affrontarle. Non indugia in allarmismi, ma ci richiama fortemente alla nostra responsabilità, in quanto esseri umani, nei confronti della Creazione. Non è un documento “ecologista”, ma un richiamo a principi etici che possano orientare le nostre azioni impegnate nella costruzione di un mondo sostenibile.

L’uomo fa parte di un’unica comunità della vita. Noi tutti facciamo parte di questa comunità, siamo uno dei molteplici nodi di cui è fatta la rete della vita.
La sostenibilità emerge nel momento in cui prendiamo coscienza di esser parte di questa rete e ci impegnamo a curarla, alimentarla e mantenerla.

La Carta vuole essere una nuova narrazione da consegnare a tutti i popoli della Terra e da trasmettere alle generazioni future. “Il futuro riserva contemporaneamente grandi pericoli e grandi promesse” - si legge nel Preambolo – “la scelta è nostra”.
Siamo di fronte ad un richiamo etico. La conoscenza, la tecnica, da sole non bastano. Abbiamo la necessità di costruire un’etica globale che ispiri e diriga le nostre azioni.

La Carta della Terra è considerata uno degli strumenti più innovativi ed efficaci dall’UNESCO per la promozione di un’educazione sostenibile, nel quadro del Decennio ONU 2005-2014 sull'Educazione allo Sviluppo Sostenibile.

Scarica la
Carta della Terra (pdf) nella traduzione che Vittorio Falsina fece della versione finale del Marzo 2000.