la Carta della Terra
La storia del documento

1987 -1992
Le origini
La commissione Brundtland invita alla produzione di una nuova Carta o dichiarazione universale su ambiente e sviluppo al fine di definire linee guida che dovrebbero ispirare il comportamento dei singoli Stati, al loro interno e nei rapporti internazionali. Questo processo però viene interrotto al Summit di Rio (1992), dal quale emerge la cosiddetta Dichiarazione di Rio.
1994 -2000
Fase 1: sviluppo e consultazione globale
Maurice Strong (segretario del Summit di Rio e fondatore dell’Earth Council) e Mikhail Gorbachev (in veste di presidente della croce verde internazionale) rilanciano il progetto della Carta della Terra come iniziativa della società civile. Nel 1994 ha inizio il processo di consultazione e la stesura di una bozza. Nel 1997 viene Creata la Commissione per la carta della Terra.
2000 -2005
Fase 2: Lancio e promozione
Viene approvato il testo finale e lanciata la campagna di promozione. La Carta della Terra viene fortemente appoggiata al vertice di Johannesburg (2002) anche se non formalmente adottata. Crescono le iniziative locali mentre continua il processo di supporto a livello internazionale (IUCN 2004).
2006 -
Fase 3: Espansione e Orientamento dell’azione
Nel 2005 viene condotta una revisione strategica dalla quale emerge la decisione di espandere l’iniziativa, creando nuovi centri e programmi internazionali, con l’intento di ampliare la presa di coscienza, l’impatto e l’impegno attivo nel campo dello sviluppo sostenibile.